La tutela dei dati all’epoca del lavoro virtuale e dell’ottemperanza alle ordinanze regionali

La difficile fase della ripartenza impone, anche per la piccola imprenditoria montana, un’impellente necessità di difesa dei dati aziendali e personali in ottemperanza agli obblighi derivanti dalle Ordinanze della Regione Toscana e alla sempre maggiore affermazione di smartworking e telelavoro… quali sono i rischi per la sicurezza dei dati connessi al lavoro “da casa”? Quali gli obblighi rispetto al Regolamento Europeo 679/2016 in attuazione dell’Ordinanza n°60 della Regione Toscana? Quali le “risposte tecnologiche” che permettono di semplificare gli oneri burocratici applicando una buona sicurezza dei nostri archivi? Quali i rischi per la sicurezza dei dati connessi all’utilizzo di dispositivi informatici personali e non aziendali?

Il 2 Luglio Officine Capodarno e Casentino Più hanno affrontato questo argomento insieme al Dott. Carlo Corbinelli (già Generale dell’Arma dei Carabinieri, attualmente Responsabile dell’Osservatorio per la Protezione dell’Economia e dell’Impresa – Centro di Studi Strategici, Internazionali e Imprenditoriali) e con il Dott. Riccardo Ascani (socio di Norjak s.r.l, azienda marchigiana leader nei servizi di protezione dei dati aziendali e personali rivolti al settore della recettività e del turismo). Coordina Luca Grisolini.

Nei prossimi giorni, ancora un’altra intervista di grande interesse: differenze, opportunità e criticità di smartworking e telelavoro! Rimanete aggiornati!

   Invia l'articolo in formato PDF